Story: Il Talento dell'Atleta (The Athlete's Talent)

Language Italian – A story for English learners of Italian
Level C1 (5 of 6) – Advanced (Fluent) What's this?
  1. Try to understand the story.
  2. Only look at the translation if you get stuck.
  3. Compare the languages to learn new words and phrases! Learn more

Le strade dell’antica Elide erano piene di attività. Uomini e donne in tuniche svolgevano le loro faccende, i commercianti spingevano carretti pieni di merci da vendere al mercato, e i bambini giocavano sui ciottoli.

The streets of ancient Elis were bustling with activity. Men and women in tunics went about their business, traders pushed carts full of goods to sell at the market, and children played games in the gravel.

Ma Elpidios era seduto con la testa tra le ginocchia. Era venuto in Elide per seguire il suo sogno e diventare un atleta. Ma era un povero contadino e non poteva permettersi di pagare qualcuno per allenarlo.

But Elpidios sat with his head between his knees. He had travelled to Elis to follow his dream and become an athlete. But he was a poor farmer, and he couldn’t afford to pay for anyone to train him.

Tutti gli allenatori erano d’accordo che aveva talento. Ma loro non volevano studenti che avevano talento. Volevano studenti che avevano soldi.

All the trainers agreed he had talent. But they didn’t want students who had talent. They wanted students who had money.

“Sogni le Olimpiadi?” è arrivata una voce.

“Dreaming of the Olympic Games?” came a voice.

Elpidios ha alzato lo sguardo. Un anziano con una lunga barba gli stava parlando.

Elpidios looked up. An elderly man with a long beard was talking to him.

“Sì,” ha sospirato Elpidios. “Sono veloce. So che posso vincere la corsa attraverso lo stadio, se mi alleno. Ma non posso permettermi un allenatore. Sono un fallito. Ho viaggiato da mezza Grecia —”

“Yes,” Elpidios sighed. “I’m fast. I know I can win the race across the stadium, if I train. But I can’t afford a trainer. I’m a failure. I travelled halfway across Greece —”

“Taci e alzati,” lo ha interrotto l’anziano, con severità.

“Shut up and get up,” the old man interrupted, sternly.

Elpidios si è alzato, un po’ sorpreso.

Elpidios stood up, a little shocked.

“Non sono un allenatore,” ha detto l’anziano. “Ma so che hai talento. So che se credi nel tuo sogno, puoi realizzarlo. E so come aiutarti.”

“I’m not a trainer,” said the old man. “But I know you have talent. I know that if you believe in your dream, you can achieve it. And I know how to help you.”

Elpidios e l’uomo misterioso si sono incontrati ogni giorno all’alba. L’uomo aiutava Elpidios a fare esercizio, a migliorare la sua tecnica e a sfidare se stesso a correre sempre più veloce. La sera, Elpidios condivideva la sua cena con l’uomo. Non c’era altro pagamento.

Elpidios and the mysterious man met at sunrise every day. The man helped Elpidios to exercise, to improve his technique, and to challenge himself to run faster and faster. In the evening, Elpidios shared his dinner with the man. There was no other payment.

I mesi sono passati, fino a quando finalmente sono iniziate le Olimpiadi. Elpidios si è iscritto come concorrente. Gli altri atleti erano più alti di lui. Indossavano tuniche colorate e portavano gioielli. Si sono messi a ridere di Elpidios quando è arrivato con l’anziano al suo fianco.

Months passed, until at last the Olympic Games began. Elpidios registered as a competitor. The other athletes were taller than him. They wore beautiful coloured tunics, and wore jewellery. They laughed at Elpidios when he arrived with the old man at his side.

“Ricorda tutto quello che ti ho insegnato,” ha detto l’anziano prima che iniziasse la corsa. “Ma soprattutto, ricorda che ora sei un atleta olimpico. Goditi il tuo sogno.”

“Remember everything I taught you,” said the old man before the race began. “But most important of all, remember that you are now an Olympic athlete. Enjoy your dream.”

Gli atleti si sono tolti i vestiti e si sono allineati a un’estremità dello stadio. Elpidios ha piazzato il piede contro la pietra di partenza. Ha respirato profondamente. L’altra estremità dello stadio sembrava molto lontana. Poi la corda è caduta, e i corridori si sono lanciati avanti come fulmini.

The athletes took off their clothes, and lined up at one end of the stadium. Elpidios placed his foot against the starting stone. He breathed deeply. The other end of the stadium seemed very far away. Then the rope dropped, and the runners dashed forward like lightning.

Dopo la corsa, l’anziano ha trovato Elpidios con la testa tra le gambe, fuori dallo stadio.

After the race, the old man found Elpidios with his head between his legs, outside the stadium.

“Il secondo posto è un risultato straordinario,” ha detto l’allenatore.

“Second place is an extradordinary achievement,” said the trainer.

“Ma non ho vinto. Non riceverò alcun onore. Ho fallito!”

“But I didn’t win. I won’t receive any honour. I failed!”

“Ho solo un’altra lezione da insegnarti, Elpidios. Quaranta anni fa, ero un contadino, come te. Sognavo di competere nelle Olimpiadi. Ho realizzato il mio sogno. Ho partecipato alla corsa. Sono arrivato secondo.”

“I have only one lesson left to teach you, Elpidios. Forty years ago, I was a farmer, like you. I dreamed of competing in the Olympic Games. I achieved my dream. I ran in the race. I came second.”

Elpidios è rimasto stupito. “E poi cosa hai fatto?”

Elpidios was amazed. “What did you do next?”

“Ero arrabbiato. Ero vergognato. Non ho più corso. Ho sprecato il mio talento.”

“I was angry. I was ashamed. I never ran again. I wasted my talent.”

L’anziano gli ha porso la mano e ha tirato su Elpidios in piedi.

The old man offered his hand, and pulled Elpidios to his feet.

“Non fare il mio errore.”

“Don’t make my mistake.”

The names in our stories are changed, rather than translated, between language versions. Learn more