Storia: Non Andare in Vacanza

Lingua Italiano – Una storia per gli studenti di Italiano
Livello A1 (1 di 6) – Base (Principiante) Che cos'è?

“Non andare in vacanza.”

Fredericka legge il messaggio sul suo telefono.

“Chi è?” scrive.

“Non posso dirtelo.”

Fredericka ride. “Buono scherzo,” scrive.

Fredericka mise giù il telefono. Pensa. Il suo assistente al lavoro è sempre molto divertente. Deve essere il suo assistente.

Arriva un altro messaggio. “Non mangiare il panino.”

Fredericka guarda il suo panino. È un panino con prosciutto, lattuga e pomodori. È su un piatto, sul tavolo.

‘Deve essere il mio assistente,’ pensa Fredericka. ‘Sa che mangio sempre un panino a pranzo.’

Fredericka ha fame. Mangia il panino.

Il giorno dopo, Fredericka sta male. Fredericka non va al lavoro. Rimane a casa.

Il suo telefono emette un suono. C’è un nuovo messaggio. “Adesso mi credi?”

“Smettila con questo gioco,” scrive Fredericka.

“Non andare in vacanza.”

“Perché no?”

“Non posso dirtelo.”

“Perché no?”

“Non posso dirtelo.”

Fredericka vuole andare in vacanza. C’è un progetto al lavoro che è molto difficile. Ha bisogno di rilassarsi.

Fredericka compra il suo biglietto. Poi prepara la valigia. Mette gli occhiali da sole, il costume da bagno e il suo libro preferito.

Nel fine settimana, Fredericka va alla stazione ferroviaria. Viaggia verso l’aeroporto. All’aeroporto, riceve un nuovo messaggio.

“Per favore, stai attenta in piscina.”

Fredericka spegne il telefono.

Fredericka arriva al resort. È una giornata calda e soleggiata. C’è una lussuosa piscina fuori dal suo hotel. È entusiasta. Indossa gli occhiali da sole e il costume da bagno.

Va in piscina. Il bordo della piscina è molto bagnato. Improvvisamente, cade. Si fa male. Molte persone vengono ad aiutarla. La portano in ospedale.

Si sveglia nel letto. Non può muoversi. Il dottore dice che deve riposare.

Un anno dopo, Fredericka torna al lavoro. È in una sedia a rotelle.

“Ben tornata,” dice il suo assistente. “Mi dispiace per il tuo incidente. Ma c’è una buona notizia: il progetto segreto è ora completato.”

“Come?” chiede Fredericka.

“È impossibile mandare gli umani attraverso il tempo, giusto?” dice l’assistente.

“Questa è la mia teoria, sì.”

“La tua teoria è corretta. Ma possiamo mandare messaggi attraverso il tempo!”

“Fammi vedere i calcoli,” dice Fredericka.

Il suo assistente le dà i documenti.

“Capisco,” dice Fredericka. “Il messaggio non deve rivelare che viene dal futuro.”

“Esattamente,” dice l’assistente. “È importante per la sicurezza.”

“Ottimo lavoro. Prepara subito il primo test.” Fredericka dà il suo telefono all’assistente. “Ecco la lista dei messaggi.”